Questo articolo è la continuazione della nostra serie di articoli sui verbi giapponesi e sulla coniugazione dei verbi, e il nostro secondo articolo sulla forma semplice. Per il primo articolo sulla Plain Form, clicca qui. In questo blog, discuteremo la forma semplice dei verbi giapponesi nel passato e nelle affermazioni negative.

Per i nostri articoli sull’uso della forma -Masu, leggi qui (-masu e -masen) e qui (-mashita e -masen deshita). Il nostro articolo -Masu/-Masen contiene anche molte informazioni generali sui verbi giapponesi e sui tipi di verbo. Se non avete familiarità con i verbi giapponesi potreste voler dare un’occhiata a quell’articolo prima di leggere questo.

Verbi giapponesi in forma semplice – tempo passato

Ci sono alcune buone e alcune cattive notizie su questo modello di coniugazione.

Cattiva notizia

  • La cattiva notizia è che può essere un po’ più complesso dei modelli che hai imparato finora, e memorizzarlo può essere un po’ doloroso.

Buone notizie

  • La buona notizia è che se sai come coniugare i verbi in forma -Te, conosci già lo schema di coniugazione del passato semplice!

E, al contrario, se non sai come coniugare i verbi in -Te Form, lo farai una volta che avrai imparato come rendere i verbi Plain Form al passato.

Questo perché, anche se i verbi in forma -Te finiscono con una “e” e quelli in forma semplice finiscono con una “a”, il modello di coniugazione per queste due forme è esattamente lo stesso.

Verbi Ru

Come al solito, se il vostro verbo è un verbo Ru, dovete semplicemente rimuovere il る ru finale. Questa volta, sostituitelo con un た ta.

起きる → 起きた (Okiru → Okita)

U verbs

For U Verbs, possiamo riutilizzare la tabella del nostro articolo -Te Form, leggermente modificata. Ancora una volta, l’unica differenza tra la forma semplice e la forma -Te è la vocale finale di tutti i verbi.

Nota: Ricordate, poiché il giapponese è scritto in sillabe, questo significa che quando si scrive in ro-maji solo la lettera finale è diversa. Ma quando si scrive in hiragana l’intero carattere finale sarà diverso.

Per esempio, かいて kaite, かいた kaita:

“ru” o “tsu” finale sostituire la sillaba finale con “tta” 乗る noru → 乗った notta
“ku” finale sostituire la sillaba finale con “ita” 書く kaku → 書いた kaita
“su” finale sostituire sillaba finale con “shita” 話す hanasu → 話した hanashita
“bu,” “mu,” o “nu” finale sostituire la sillaba finale con “nda” 遊ぶ asobu → 遊んだ asonda
“gu” finale sostituire la sillaba finale con “ida” 泳ぐ oyogu → 泳いだ oyoida

verbi irregolari

verbi irregolari, Anche i verbi irregolari seguiranno il modello di -Te-Form con “a” finale invece di “e” finale. Proprio come nel caso della forma -Te, “iku” nel tempo passato della forma semplice si coniuga in modo diverso dagli altri verbi U con finale -ku:

suru → shita

kuru → kita

iku → itta

Verbi giapponesi in forma semplice – Passato negativo

Il passato negativo in forma semplice è abbastanza semplice – molto più semplice del passato positivo!

In sostanza, tutto quello che dovete sapere è come coniugare un verbo in forma semplice in tempo presente/futuro negativo (per rivederlo, cliccate qui per vedere il primo articolo sulla forma semplice).

~Nai

Tutti i verbi che sono in forma semplice in tempo presente/futuro negativo finiscono con ないnai. Pertanto, tutti i verbi in forma semplice negativi al presente/futuro si coniugano al passato allo stesso modo. Basta cambiare la vocale finale (i) in “katta”, e il verbo è ora al passato negativo! Riconoscerete questo schema se avete imparato a coniugare gli i-aggettivi.

8時に起きない。

Hachi ji ni okinai

Non mi sveglierò alle 8:00.

8時に起きなかった。

Hachi ji ni okinakatta

Non mi sono svegliato alle 8:00.

友達に会わない。

Tomodachi ni awanai

Non voglio/non incontro il mio amico.

友達に会わなかった。

Tomodachi ni awanakatta

Non ho incontrato il mio amico.

Ecco un breve racconto al passato su Kawa-chan e il suo weekend!

土曜日は午後12時まで寝た。

Doyoubi wa gogo juuni ji made neta

Sabato, ha dormito fino alle 12.

日曜日はアミーゴとパーティーに行った。

Nichiyoubi wa Ami-go to pa-ti- ni itta

Domenica, è andata con Amigo ad una festa.

Abbiamo mangiato molta pizza, ma non abbiamo mangiato nessun hot dog.

Piza o ippai tabeta kedo, hottodoggu o tabenakatta

Ha mangiato molta pizza, ma non ha mangiato hot dog.

Era rumoroso, quindi non ha giocato a carte.

Sawagashikatta kara, toranpu de asobanakatta

Era rumoroso, quindi non ha giocato a carte.

Kawa-chan wa kamereon da kara, quindi non ha bevuto birra alla festa.

Kawa-chan wa kamereon da kara, bi-ru o nomanakatta

Kawa-chan è un camaleonte, quindi alla festa non ha bevuto birra.

Usi aggiuntivi per la Plain Form

Nel primo articolo sulla Plain Form, abbiamo discusso alcuni usi della Plain Form (a parte il semplice parlare con disinvoltura), inclusi i modelli grammaticali che contengono verbi Plain Form sia che la vostra frase complessiva sia una frase educata o meno.

Ecco alcuni altri esempi di schemi grammaticali in cui i verbi Plain Form sono una componente necessaria:

Uno degli schemi grammaticali comuni per dare suggerimenti usa verbi Plain Form: “hou ga ii desu”. Se si sta dando un suggerimento positivo, la frase verbale userà un verbo al passato in forma semplice. Se si sta dando un suggerimento negativo, la frase verbale userà un verbo in forma semplice negativo presente/futuro.

新聞を読んだほうがいいです。

Shinbun o yonda hou ga ii desu

Si dovrebbe leggere il giornale.

新聞を読まないほうがいいです。

Shinbun o yomanai hou ga ii desu

Tu non dovresti leggere il giornale.

Se si aggiunge una sillaba – ら (ra) – alla fine di un verbo passato in forma semplice, non è più passato, ma diventa “se/quando”. Se significa “se” o “quando” dipende dal contesto:

新聞を読んだら、色々な情報が入手できます。

Shinbun o yondara, iroiro na jouhou ga nyuushu dekimasu

Se uno legge il giornale, può acquisire varie informazioni.

今の新聞を読んだら、ある記事にびっくりしました。

Kyou no shinbun o yondara, aru kiji ni bikkuri shimashita

Quando ho letto il giornale di oggi, c’era un articolo che mi ha sorpreso.

Se si aggiunge un り (ri) e il verbo する suru (to do) alla fine di un verbo Plain Form past tense, significa “fare cose come .” Si possono avere più verbi + “ri” prima del “suru”, o uno solo; in entrambi i casi c’è un solo “suru” e viene per ultimo. Se uno dei verbi + “ri” è un verbo “suru”, dovete comunque finire con “suru”:

暇な時は新聞を読んだり、中国語を勉強したりします。

Hima na toki wa shinbun o yondari, chuugokugo o benkyou shitari shimasu

Quando ho tempo libero, faccio cose come leggere il giornale e studiare il cinese.

Questo è tutto in forma semplice per questo articolo! Ci sono altri modelli grammaticali che usano la forma semplice che non abbiamo avuto spazio per discutere nei nostri due articoli sulla forma semplice – se ce n’è qualcuno che non abbiamo coperto e di cui vorreste che scrivessimo, lasciateci un commento e fatecelo sapere!

Altri articoli di grammatica sono in arrivo. Nel frattempo, controlla la nostra Biblioteca per una serie di schede flash gratuite sui verbi! Prova a fare qualche frase o un breve racconto, e condividi quello che hai scritto come commento! Se vuoi un ripasso sulle particelle (wa, ga, wo, ni, ecc.) e su come usarle prima di fare le tue frasi, clicca qui per vedere tutti i nostri articoli sulle particelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.