da: E.B. Johnson

Vedi il tuo partner come è? O li costruisci per essere qualcuno che non sono? Molti di noi sono vittime della proiezione, un’abitudine tossica che ci isola e allontana i nostri partner. Invece di vedere l’altra persona come è, insistiamo nel vederla come vogliamo che sia. Questo porta a delusioni senza fine e a una serie di frustrazioni che possono essere corrosive per il nostro senso di sé e la nostra autostima.

Le relazioni forti non sono quelle in cui cambiamo noi stessi per adattarci ai sogni delle altre persone. Sono quelle in cui entrambi i partner sono in grado di vedersi l’un l’altro come sono realmente, senza giudizi e senza aspettative di cambiamento. Quando questo accade, siamo in grado di venire insieme come pari, invece di rivali, e costruire vite che sono autenticamente allineati ai nostri obiettivi e bisogni reciproci. Vuoi intraprendere un percorso di guarigione verso l’unione? Smettila di proiettare sul tuo partner e guarda dentro di te.

Costruire una vita con qualcun altro può essere difficile, e la maggior parte della battaglia è trovare qualcuno che si adatti ai nostri obiettivi a lungo termine e ai nostri bisogni emotivi. Non è facile trovare qualcuno che vuole le stesse cose, o qualcuno che ha la stessa spinta e le stesse aspettative di te. È necessario, però, per stabilire delle partnership che siano eque e abbastanza stabili da sopravvivere a tutte le palle curve che la vita ci lancia.

La proiezione – in termini psicologici – è la nostra tendenza a spostare i nostri sentimenti sugli altri. Per esempio, se ci sorprendiamo a guardare un’altra persona, potremmo diventare insicuri e girarci per accusare i nostri partner di aver commesso l’azione che abbiamo appena commesso. È un meccanismo di coping, destinato a spostare le emozioni scomode e le realtà che non vogliamo affrontare. Ma ci sono anche altri modi in cui proiettiamo.

È anche possibile proiettare le proprie aspettative sul partner in modo tale da creare ambienti tossici all’interno della vostra partnership. Cioè, potreste costruire il vostro partner per essere più disponibile, aperto o ambizioso di quanto non sia. Potreste cercare di inserirlo in scatole che non gli appartengono, o in posti (emotivamente e fisicamente) in cui non vuole andare. La proiezione finisce sempre con la delusione. Quindi, se vuoi relazioni più felici, devi mettere fine a questa abitudine tossica una volta per tutte.

Segni che stai proiettando sul tuo partner.

Stai proiettando sul tuo partner? Li stai costruendo per essere qualcuno che non sono, o qualcuno che ti aspetti che siano? Proiettiamo sui nostri partner in vari modi, dallo scagliarsi contro le insicurezze alle pressioni per farli cambiare. Tutte queste proiezioni sono tossiche, tuttavia, e minano le nostre relazioni in molti modi.

Aspettarsi il peggio

Ti aspetti sempre il peggio? Sei una persona che abita nella negatività? O la convinzione che tutti sono pronti a prenderti prima che tu prenda loro? Questo tipo di pensiero è tossico e piccolo, e un segno sicuro che stai proiettando sul tuo partner. Forse sei stato tradito in una relazione precedente, e sei arrivato a credere che tutti gli altri partner ti tradiranno. Oppure, sei stato deluso da altri di cui ti fidavi – e questo ti ha portato a credere che non vale la pena fidarsi neanche del tuo partner.

Mantenere il controllo

Il partner che proietta è spesso uno che lotta per permettere al proprio partner di essere la sua persona autentica. Possono lottare con problemi di controllo, mentre si sforzano di trasformare l’altra metà nell’immagine dell’amore che sono venuti ad adorare nella loro mente. Per questo partner, la loro relazione non riguarda tanto la costruzione di una vita con un’altra persona quanto il soddisfare le proprie aspettative. Anche queste aspettative sono di solito superficiali e fuori dal regno del realistico.

Overreazioni

Può essere difficile costruire aspettative nella tua testa, solo per vederle fallire nella presa della realtà. È una delusione all’estremo, e anche un confronto con i nostri valori e i nostri bisogni. Ecco perché – quando si tratta del partner che proietta – questa delusione può portare a drammatiche reazioni eccessive. Quando si proietta, si passa facilmente agli estremi emotivi; soprattutto ogni volta che le proprie illusioni si confrontano con la realtà.

Sentire selettivamente

Il tuo partner cerca di aprirsi con te su come si sente? Ascolti e ti permetti di aprirti anche tu? O opti per la strada più comunemente percorsa: il rifiuto? Quando senti solo quello che vuoi sentire, ti ritrovi con una relazione unilaterale basata sull’illusione piuttosto che sulla realtà. Quando il vostro partner esprime infelicità (o vedete che la crepa comincia a mostrarsi) la spazzolate sotto il tappeto o la dipingete con un pennello più luminoso del dovuto. Tutto in nome del “mantenere le apparenze”.

Cercare il confronto

Cosa succede quando tu e il tuo partner vi trovate in una brutta discussione? Uno di voi si tira sempre indietro e cerca i paragoni storici che possono mettere il vostro partner al suo posto? Questo di solito avviene paragonando i nostri partner ai coniugi precedenti. E’ una pratica tossica, che fa sentire i nostri coniugi e i nostri cari male con se stessi – mentre ci illude e oscura la realtà nella nostra paura e insicurezza.

Cambiamento del copione

Forse il più classico segno di proiezione nelle relazioni è il cambio di storie e copioni. Questo avviene quando accusate il vostro partner di comportamenti o emozioni di cui siete colpevoli voi stessi. Si punta il dito contro il partner per le cose che si è troppo codardi per ammettere. Per esempio, forse ci si arrabbia con un partner per essersi impegnato in comportamenti in cui si vorrebbe essere impegnati (come la cura di sé o il tempo da soli). Può anche, però, apparire come accusare il partner di un’azione che tu stesso stai facendo (come il tradimento).

I giochi di colpa abbondano

Ci sono pochi giochi di relazione più tossici di quello della colpa. Le emozioni sono difficili da gestire, e le decisioni che la vita ci presenta possono essere ancora più difficili. Quando non riusciamo ad accettare la nostra responsabilità nel risolvere queste cose, spesso scarichiamo la colpa sul nostro partner. Forse gli diamo la colpa per non aver accettato la grande promozione del lavoro, o li accreditiamo per aver sbagliato una presentazione o un’intervista. Loro non c’entrano niente (in realtà) ma punirli spesso sembra più facile che trovare il modo di sistemare i propri casini.

I migliori modi per smettere di proiettare nelle vostre relazioni.

Una volta che siete pronti a costruire relazioni mature e stabili potete mettere fine alla proiezione e imparare a vivere nella realtà. Da quel punto, puoi stabilire delle partnership che prosperano. Ma ciò richiede di lasciare andare il tuo ego e di assumerti la responsabilità della tua felicità e della tua guarigione.

Lascia andare il tuo ego

L’ego gioca un ruolo importante nella nostra tendenza a proiettare, e ci colpisce da un paio di punti di vista diversi. Le cose che vogliamo sono una parte di ciò che siamo. Molti di noi, tuttavia, possono costruire enormi aspettative personali intorno a questi desideri che ci rendono difficile accettare la realtà così com’è. Potresti costruire aspettative irreali su un partner, o dare troppo peso alle sue decisioni come riflesso di ciò che sei. Una volta che lasciate andare il vostro ego, tuttavia, potete cominciare a vedere le persone come sono realmente… e anche la vostra relazione.

Distaccate il vostro ego dalla vostra relazione e create spazio per il vostro partner per essere chi e cosa vuole essere. La loro vita non è la tua. Non sei responsabile per loro, e chi il tuo partner sceglie di essere non ti definisce. Non devono essere un riflesso di te, a meno che tu non scelga di permetterlo.

Accetta ciò che la vita (e le relazioni) sono veramente. All’interno di questo, accetta chi sei nel tuo nucleo – il bene e il male. Smettete di fingere di volere dalla vostra relazione cose che non volete. Smettete di pretendere risultati irrealistici da voi stessi. Siate più compassionevoli con voi stessi e appoggiatevi alla vostra autenticità. Più sei autentico con te stesso, meno avrai bisogno di personalizzare gli aspetti unici della persona con cui costruisci una vita.

Affronta le tue mancanze

Tanta parte della proiezione in cui ci impegniamo viene dalle nostre mancanze e insicurezze. A nessuno piace ammettere di non essere bravo in qualcosa, o di aver avuto una brutta esperienza. Tutti vogliamo sentirci bene come le persone che ci circondano, ma quando non lo facciamo è scomodo. Per evitare questo disagio, lo scacciamo e lo scarichiamo su altre persone. Solo abbracciando i nostri difetti possiamo imparare ad accettarli e guarirli una volta per tutte.

Quando senti questi sentimenti negativi insinuarsi, nota la tua preoccupazione e la tua tendenza a scaricare la colpa sugli altri. In quei momenti fermati, fai un respiro profondo e poi affronta le tue insicurezze. Interrogale profondamente e poi sostituiscile con un contro pensiero positivo.

Prenditi la responsabilità delle tue emozioni. Prenditi la responsabilità di renderti più integro e abbastanza potente da superare le cose che ti fanno sentire debole. Sappi che puoi cambiare chi sei (se lo vuoi) e puoi crescere per diventare una versione più forte e superiore di te stesso. Invece di scappare dai tuoi difetti e dalle tue insicurezze, abbracciali lentamente. Vedili come il pacchetto completo di chi sei unico e completamente senza rivali.

Tuffo profondo nella realtà

La realtà può essere un posto scomodo in cui dimorare, specialmente nel mondo di oggi, sempre più caotico. Vedere i nostri partner e le vite che condividiamo con loro attraverso occhiali rosa è spesso molto più comodo che vederli per quello che sono veramente. Questo perché questo significa confrontarsi con la verità non solo su di loro, ma su noi stessi e sul modo in cui plasmiamo la nostra vita e la nostra felicità.

E’ tempo per te di fare un’immersione profonda nella realtà. Non c’è più tempo per scappare dalla verità o da chi sei veramente. Hai il diritto di essere appagato e soddisfatto all’interno della tua relazione. Hai diritto a un partner che ti ama nel modo in cui hai bisogno di essere amato; senza lottare e senza il caos.

Non scappare più dalla verità. Siediti con un diario ed esponi i fatti. Elenca tutti i pro e i contro della tua relazione. Scrivete tutte le cose che sono andate bene e tutti i momenti che vi hanno fatto male. Inizia a fare l’inventario (sia emotivamente che fisicamente) della tua relazione e di ciò che porta in tavola. Riflettete spesso e comincerete a vedere gli schemi della realtà che si stendono davanti a voi.

Domanda prima di reagire

Più spesso che no, le nostre proiezioni sono reazioni eccessive che permettiamo di prendere il controllo prima di avere il tempo di analizzare completamente o mettere in discussione come ci sentiamo. Piuttosto che scagliarci contro i nostri partner quando facciamo casino, dobbiamo dare uno sguardo più profondo alle nostre emozioni quando le cose diventano difficili o scomode. Questo, tuttavia, è un processo che ci richiede di essere presenti nei nostri corpi e presenti in chi siamo e come ci sentiamo.

Smettila di scagliarti contro il tuo partner. Smettete di precipitarvi da loro quando sbagliate le cose, o non riescono ad essere chi vi aspettate che siano. Quando sorgono questi sentimenti di rabbia, irritazione o risentimento, fermati e conta fino a 10. Poi, metti in discussione le tue emozioni e da dove vengono veramente.

Le emozioni sono potenti, quelle negative ancora di più. Non permettere loro di toglierti il potere. Tu sei il padrone della tua mente e del tuo cuore. Siete voi a decidere cosa vi controllerà e cosa no. Mettiti in discussione. Sono arrabbiato con il mio partner o con me stesso? Sono arrabbiato per qualcosa che sta accadendo ora o per qualcosa che è accaduto in passato? Queste risposte sono importanti e aprono rivelazioni sorprendenti per la nostra crescita e trasformazione personale.

Stabilire il proprio potere personale

Quando non siamo attinti al nostro potere personale, andiamo a cercare di ancorarci ad altre persone. Potremmo guardare a loro per la convalida, o potremmo guardare a loro per una guida su dove andare o chi diventare. Più siamo fiduciosi in noi stessi, meno abbiamo bisogno di proiettare le nostre insicurezze (e la responsabilità della nostra felicità) su altre persone. Possiamo camminare con fiducia verso il nostro futuro e vedere le nostre relazioni come un pezzo del puzzle – piuttosto che la fine di tutto.

Non hai bisogno di proiettare su altre persone, sei abbastanza forte da affrontare i tuoi problemi e risolverli. Non hai bisogno di contare su un partner per il tuo senso di sé o la tua direzione. Smettila di costruirli come qualcosa di cui non hai bisogno e che non potrai mai avere. Sei tu il salvatore della tua vita.

Invece di incolpare la persona con cui stai per non essere la persona di cui hai bisogno… costruisci una vita con la persona di cui hai bisogno. Non cambiare qualcun altro e non aspettarti che diventi la tua immagine di felicità. Quella persona esiste già, e sta aspettando che tu ti metta in cammino con lei. Difendi ciò che vuoi e ciò di cui hai bisogno, poi intraprendi qualche azione positiva in modo da poter manifestare la persona giusta con cui costruire il futuro giusto.

Mettendo tutto insieme…

La proiezione è l’abitudine incredibilmente tossica di gettare le nostre emozioni, insicurezze e aspettative su altre persone, piuttosto che assumercene la responsabilità. Quando questo avviene nelle nostre relazioni intime, allontana i nostri partner e crea gravi crepe nelle fondamenta delle nostre partnership. Dobbiamo vederci l’un l’altro come siamo veramente, accettarlo, e agire per stare nel nostro potere positivo.

Lascia andare il tuo ego e permetti al tuo partner di essere chi è, a parte le tue aspettative. Affronta le tue mancanze e smetti di ritenere le altre persone responsabili della tua felicità e delle cose che vuoi dalla vita e dall’amore. Immergiti profondamente nella realtà e accetta la tua relazione (e il tuo partner) per quello che sono veramente. Sii compassionevole, e separa le tue idee sulla riflessione o sulla dipendenza codipendente. Quando sentite che vi sfogate o proiettate le vostre insicurezze sul vostro partner, fermatevi e mettete in discussione le vostre emozioni e da dove vengono veramente. Poi, puoi costruire il tuo senso di potere personale e trovare il conforto e la stabilità di stare in piedi per la tua autenticità e realizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.