Gli errori nel trattamento dei bassi livelli di potassio hanno portato alla morte di Christie Henderson che aveva sviluppato la chetoacidosi diabetica (DKA) durante il Natale dello scorso anno.

La famiglia della tanto amata mamma Christie, che aveva il diabete di tipo 1, spera che le lezioni saranno apprese per evitare il ripetersi della tragedia in futuro.

Christie Henderson, 29 anni, è morto di arresto cardiaco al Sunderland Royal Hospital il giorno di Santo Stefano dello scorso anno. Aveva vissuto con il diabete di tipo 1 per sette anni.

Si era sentita male dopo una notte di Natale fuori il 23 dicembre, è stata portata in ospedale la sera seguente. Gli esami del sangue hanno rivelato che soffriva di chetoacidosi diabetica (DKA), una complicazione potenzialmente mortale del diabete di tipo 1 causata da carenza di insulina.

Il personale ospedaliero ha monitorato i livelli di potassio di Christie, ma il 26 dicembre, il potassio di Christie ha raggiunto livelli pericolosamente bassi ed è andata in arresto cardiaco ed è morta.

Un’inchiesta alla Sunderland Coroner’s Court ha rilevato che ci sono state “occasioni mancate” da parte del personale ospedaliero per contrastare la caduta dei livelli di potassio di Christie che ha portato alla sua morte.

Il coroner assistente Karin Welsh ha descritto la morte come “profondamente preoccupante” e ha detto: “Se il cloruro di potassio fosse stato introdotto in un momento precedente, forse i livelli non sarebbero scesi al livello che hanno raggiunto.”

L’inchiesta di due giorni ha sentito che c’erano 10 opportunità in cui il cloruro di potassio avrebbe potuto essere somministrato per contrastare i bassi livelli.

In una dichiarazione la famiglia ha detto: “La morte prematura di Christie era evitabile. Speriamo che le lezioni apprese dal Sunderland Royal Hospital dalla sua morte siano davvero tutte messe in atto.”

Il dottor Shaz Wahid, direttore medico del South Tyneside and Sunderland NHS Foundation Trust, si è scusato e ha detto: “Ci sono stati aspetti della cura di Christie che sono caduti inaccettabilmente al di sotto degli alti standard che ci siamo imposti e una serie di azioni hanno avuto luogo per evitare che questo accada di nuovo.”

Le azioni includono un ampio programma di formazione per quanto riguarda i protocolli per i pazienti e il miglioramento delle cartelle cliniche elettroniche per evidenziare meglio i risultati anomali.

Il dottor Wahid ha aggiunto: “Anche se questo non cambia il risultato straziante per Christie e la sua famiglia, posso rassicurare fortemente le persone che abbiamo preso tutte le misure possibili per evitare che qualcosa di simile accada in futuro.”

Credito immagine: Famiglia handout / BBC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.