Comunicare senza pronunciare una parola

Possiamo considerare la forma primaria di comunicazione come parlare verbalmente, ma parliamo quasi altrettanto spesso ed efficacemente attraverso la comunicazione non verbale: il linguaggio del corpo. Il modo in cui ci pieghiamo sulle nostre sedie, e il modo in cui scuotiamo le spalle o alziamo gli occhi, sono tutte forme di comunicazione, e di comunicazione negativa. Alcuni esempi positivi sono il contatto visivo diretto, la stretta di mano e il tenere le braccia aperte. Queste forme negative e positive di linguaggio del corpo comunicano tutte qualcosa di diverso. Esploriamo alcuni di questi mezzi di comunicazione non verbale:

  • Braccia incrociate: Penso che tutti sappiamo cosa comunica questa forma di linguaggio del corpo. Tipicamente significa che l’individuo si sente a disagio – potrebbe essere in disaccordo o sentirsi sulla difensiva verso la persona con cui sta comunicando. In qualsiasi modo, l’incrocio delle braccia può sicuramente comunicare negatività.
  • Mangiarsi le unghie: Mangiarsi le unghie ritrae anche uno stato d’animo negativo. Può essere attribuito all’individuo che si sente stressato, nervoso o insicuro. Molte persone prendono l’abitudine di mangiarsi le unghie e non si accorgono nemmeno quando lo fanno.
  • Battere le dita e i piedi: Un individuo che si batte ripetutamente le dita delle mani o dei piedi può anche sentirsi nervoso. Può anche significare che l’individuo è impaziente o si sta stancando di aspettare.
  • Testa inclinata: Una testa inclinata caratterizza tipicamente qualcuno in un pensiero profondo o interesse. Per esempio, i cani spesso inclinano la testa da un lato quando il loro padrone parla con loro – stanno cercando di fare del loro meglio per capire ciò che viene comunicato con loro.
  • Strofinare le mani insieme: Spesso ci strofiniamo vigorosamente le mani per l’eccitazione. Pensate, vi stanno servendo una cena deliziosa o pianificando una serata divertente con i vostri amici.
  • Trazione dell’orecchio: È interessante notare che spesso tiriamo i lobi delle nostre orecchie quando abbiamo difficoltà a prendere una decisione. Pertanto, questo movimento caratterizza tipicamente l’indecisione.
  • Palmi aperti: I palmi aperti caratterizzano allo stesso modo l’apertura e l’onestà. Può anche essere un segno di sincerità o innocenza. Alcuni aprono i loro palmi in chiesa durante il culto per dimostrare la sottomissione.
  • Testa tra le mani: Mettere la testa tra le mani può comunicare un paio di messaggi diversi. Potrebbe mostrare che sei semplicemente annoiato o stanco o potrebbe convincere qualcuno che sei arrabbiato per qualcosa.
  • Strofinare o accarezzare il mento. Come strattonare le orecchie, accarezzare il mento o la barba si verifica quando stiamo cercando di raggiungere una decisione e avviene involontariamente o senza preavviso.

Fatti poco noti sul linguaggio del corpo

Mentre molti di noi non si rendono conto o considerano ciò che potrebbero comunicare in quel momento, siamo consapevoli che il nostro linguaggio del corpo ha un effetto sulle nostre conversazioni e relazioni. Tuttavia, ecco alcuni fatti sul linguaggio del corpo che molti non conoscono:

1. Leggere il linguaggio del corpo richiede intelligenza emotiva e sociale.
Come si è scoperto, leggere il linguaggio del corpo è simile a leggere le emozioni. Vi siete mai chiesti perché potevate dire subito che il vostro amico era arrabbiato ma tutti gli altri sembravano non accorgersene? Questo è dovuto all’intelligenza emotiva. Da un lato, le persone possono facilmente leggere il linguaggio e capire gli spunti sociali, e dall’altro, le persone non colgono questi segnali.

2. La cultura fa la differenza.
Mentre la maggior parte delle espressioni facciali sono universali in tutto il mondo (espressioni di felicità, eccitazione, paura, ecc.) altri comportamenti non verbali sono molto specifici della cultura. Per esempio, il contatto visivo è una pratica rispettosa negli Stati Uniti, ma può essere scortese o irrispettoso in altri paesi, in particolare in Medio Oriente.

3. Nessuno può interpretare correttamente il linguaggio del corpo il 100% delle volte.
Anche se i movimenti del corpo possono certamente comunicare diversi stati d’animo e significati, queste interpretazioni non sono mai accurate al 100%. Abbiamo discusso alcuni esempi di linguaggio del corpo che potrebbero comunicare una varietà di emozioni come mettere la testa tra le mani, per esempio. Questo potrebbe significare che sei stanco e vuoi semplicemente riposare per un momento o potrebbe portare le persone a credere che sei arrabbiato per qualcosa. Quindi, quando ci sono più spiegazioni, come facciamo a sapere qual è quella corretta? Non lo sappiamo. Possiamo fare delle ipotesi, ma non possiamo esserne sicuri.

4. Sei più bravo di chiunque altro a leggere il linguaggio del corpo dei tuoi cari.
Questo ha senso. Tu passi la maggior parte del tuo tempo con queste persone e le conosci da molto tempo; quindi, è facile per te dire quando sono di buon o cattivo umore, quando sono colpiti dall’emozione e quando il loro linguaggio del corpo sta effettivamente comunicando come si sentono.

5. È inconscio.
In genere non ci rendiamo conto quando siamo impegnati in una comunicazione non verbale, come mittenti e riceventi. Non pensiamo prima: “Ok, mi tiro l’orecchio, così qualcuno sa che sto prendendo una decisione importante”. E di solito non ci preoccupiamo di analizzare il linguaggio del corpo di qualcuno, lo facciamo e basta. Per esempio, si può avere la sensazione di aver superato quel colloquio di lavoro, ma si scopre qualche giorno dopo che non si è ottenuto il lavoro. Questo potrebbe essere dovuto ad un linguaggio del corpo nervoso o chiuso che non hai capito che stavi comunicando con l’intervistatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.