FacebookCondividi

Ecco l’ultima dichiarazione dell’organizzazione NABshow:

Stato del NAB Show

La salute e la sicurezza della nostra comunità dello show rimane la nostra massima priorità. A partire da ora, stiamo andando avanti con il NAB Show, pur continuando a valutare attentamente la situazione nazionale e internazionale.

Alla luce dei casi confermati di coronavirus COVID-19 in Nevada, abbiamo raggiunto i funzionari della sanità pubblica locale, il centro congressi e altri partner sul terreno per valutare la situazione e determinare i loro protocolli aumentati per la salute e la sicurezza degli ospiti dello spettacolo. Non appena riceveremo ulteriori dettagli, aggiorneremo questo sito web e comunicheremo con tutti i nostri ospiti e partner.

Cambiamenti allo show

A partire da ora, stiamo andando avanti responsabilmente con il NAB Show. Continuiamo a prendere la nostra direzione dai funzionari sanitari globali, federali e locali, come l’OMS e il CDC, che non hanno avvisi di viaggio o restrizioni sui raduni pubblici per gli Stati Uniti continentali.

Capiamo che ci sono espositori e partecipanti che potrebbero decidere di non partecipare allo show di quest’anno e rispettiamo il desiderio di tutti di fare ciò che credono sia meglio. Nel corso delle ultime settimane, abbiamo sentito da molti espositori e partecipanti che sono entusiasti di guidare il nostro settore e le loro imprese in avanti, e ci stiamo sforzando di mettere su uno spettacolo che fornirà loro questa piattaforma, pur essendo consapevoli delle preoccupazioni in corso per quanto riguarda il coronavirus. Infatti, circa il 96% dei nostri espositori ha ancora in programma di partecipare e del 4% che non partecipa più, più dell’80% proviene dalla Cina e non può partecipare a causa delle restrizioni di viaggio.

Partecipiamo alla delusione dei membri della comunità dello show che sono colpiti dalle restrizioni di viaggio a causa del coronavirus (COVID-19) e non possono unirsi a noi di persona quest’anno. Siamo in contatto con gli espositori e i partecipanti che sono colpiti dalle restrizioni di viaggio e stiamo lavorando con loro sulle opzioni in modo che possano, dove possibile, sperimentare alcuni dei vantaggi della mostra e aggiungere valore ai partecipanti di persona in remoto.

Al tempo stesso Adobe ha annunciato che non parteciperà:

Adobe si ritira dal NAB Show 2020

Ogni anno, non vediamo l’ora di vedere la nostra comunità video al NAB per parlare delle ultime tendenze e delle innovazioni dei nostri prodotti. Nelle ultime settimane, abbiamo monitorato e valutato da vicino la situazione intorno a COVID-19 e abbiamo preso la difficile ma importante decisione di cancellare la nostra presenza allo show di quest’anno.

Sebbene siamo delusi, la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti, clienti e partner sono sempre la nostra priorità. Non vediamo l’ora di impegnarci con la nostra comunità NAB attraverso un’esperienza digitale nel prossimo futuro.

Adobe e Nikon che si ritirano dal NAB Show seguono la scia dello show annuale CP+2020 in Giappone che è stato cancellato alla fine di febbraio. L’impatto di COVID-19 è stato sentito anche al di fuori del regno delle fiere, con il virus che ha colpito le catene di approvvigionamento dei produttori di fotocamere. Nikon ha appena annunciato che l’uscita della fotocamera DSLR di punta Nikon D6 è stata ritardata da questo mese a maggio. Canon ha proattivamente sospeso la produzione in tre dei suoi stabilimenti in Giappone.

Il coronavirus COVID-19 ha già avuto un grande impatto sulle industrie di tutto il mondo, compresa quella fotografica, e le aziende stanno lavorando duramente per mitigare il rischio per i loro dipendenti. Mentre i governi e le agenzie sanitarie di tutto il mondo lavorano per capire meglio e contenere il COVID-19, è difficile prevedere la portata dell’impatto che il virus avrà sull’industria fotografica, ma è sicuro aspettarsi che l’annuncio di oggi da Adobe non sia l’ultimo del suo genere che sentiremo nelle prossime settimane e mesi. Per ulteriori informazioni su come COVID-19 sta influenzando l’industria fotografica, clicca qui.

FacebookShare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.