Migliorare l’attenzione e la memoria in ambito educativo

Negli ultimi anni, un numero crescente di studi ha cercato di applicare i principi e i metodi della psicologia cognitiva all’ambito educativo. Per esempio, una domanda fondamentale riguarda se la ricerca sulla memoria può essere usata per aumentare l’efficacia con cui gli studenti studiano per gli esami. In una recente revisione completa, Dunlosky e colleghi3 hanno valutato l’efficacia di dieci diversi metodi di studio e li hanno caratterizzati come di alta, moderata o bassa utilità sulla base della ricerca disponibile. Alcuni dei metodi popolari comunemente adottati dagli studenti – tra cui la rilettura, il riassunto e l’evidenziazione – hanno ricevuto valutazioni di bassa utilità. Solo due tecniche, entrambe supportate da dati provenienti da numerosi studi di laboratorio, hanno ricevuto valutazioni di alta utilità: lo studio distribuito, che comporta la distribuzione delle attività di studio in modo che intervenga più tempo tra le ripetizioni delle informazioni da apprendere (al contrario dello studio di massa o “cramming”), e le prove pratiche, in cui gli studenti ricevono a intermittenza brevi quiz su ciò che hanno imparato prima di sostenere un test formale.

Gli effetti benefici delle prove pratiche per gli studenti si basano principalmente su studi che dimostrano che l’atto di recuperare le informazioni può essere un mezzo molto efficace per rafforzare la memoria delle informazioni recuperate.4 Un recente lavoro nel mio laboratorio ha utilizzato una variante della tecnica dei test pratici nel tentativo di migliorare l’attenzione e la memoria durante le lezioni videoregistrate.5 Gli studenti sperimentano frequentemente vuoti di attenzione sia durante le lezioni in classe6 che durante le lezioni video7 . Per esempio, quando sono stati interrogati durante una lezione in aula o online per sapere se stavano seguendo la lezione o se stavano vagando con la mente su altri argomenti, gli studenti hanno indicato in circa il 40% dei test che stavano vagando con la mente; non sorprende che l’entità del vagare con la mente fosse correlata negativamente con la ritenzione del contenuto della lezione.6-8

Il nostro studio5 si è concentrato sulle lezioni registrate in video perché sono un elemento chiave nella formazione online, che è esplosa negli ultimi anni, in parte come risultato dello sviluppo dei corsi online aperti di massa (MOOCs). Di conseguenza, capire come migliorare l’apprendimento dalle video-lezioni potrebbe avere importanti implicazioni per l’istruzione online. I partecipanti hanno guardato una lezione di statistica registrata in video di 21 minuti, divisa in quattro segmenti uguali. Dopo ogni segmento di lezione, tutti i partecipanti hanno fatto problemi matematici per un minuto, dopo di che il gruppo testato ha ricevuto un breve quiz su ogni segmento di lezione che ha richiesto circa 2 minuti ciascuno; il gruppo non testato ha continuato a lavorare sui problemi matematici per altri 2 minuti e ha ricevuto un test solo per il segmento finale; e il gruppo restudy è stato mostrato, ma non testato, lo stesso materiale del gruppo testato per ciascuno dei segmenti precedenti il segmento finale. Dopo il segmento finale della lezione, tutti e tre i gruppi hanno ricevuto un quiz per quel segmento, e pochi minuti dopo hanno ricevuto anche un test finale per l’intera lezione. In momenti casuali durante la lezione, i partecipanti di tutti i gruppi sono stati interrogati per sapere se stavano prestando attenzione alla lezione o se stavano vagando con la mente verso altri argomenti.

I partecipanti dei gruppi non testati e ri-studiati hanno indicato che stavano vagando con la mente in risposta a circa il 40% delle domande, ma l’incidenza del vagare con la mente è stata dimezzata, a circa il 20%, nel gruppo testato. Inoltre, i partecipanti del gruppo testato hanno conservato significativamente più informazioni dal segmento finale della lezione rispetto ai partecipanti degli altri due gruppi, e hanno anche conservato significativamente più informazioni sul test finale dell’intera lezione rispetto agli altri gruppi. Mentre è incoraggiante che il quiz interpolato può ridurre drasticamente l’incidenza del vagare della mente e aumentare la ritenzione, i risultati riportati devono essere trattati con una certa cautela, sia perché sono stati ottenuti solo con una singola lezione su un singolo argomento, e anche perché non è chiaro se i benefici del quiz interpolato persistono attraverso più lezioni o in effettive lezioni online (o dal vivo). C’è motivo di ottimismo, tuttavia, perché altri tipi di test pratici hanno prodotto un aumento dell’apprendimento in contesti di classe.9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.