Per quanto ci piacerebbe crederci, la triste verità è che il nostro gatto non ha davvero nove vite. Come genitori responsabili di gatti, è necessario prendere misure adeguate per proteggerli da ogni male. Come si può fare? Dandogli le vaccinazioni giuste al momento giusto.

Le vaccinazioni sono la chiave per salvare il vostro gatto da batteri e virus nocivi. Infatti, per rafforzare il loro sistema immunitario, i vaccini sono un must!

Non essendo esperti, non possiamo decidere da soli quali sono i vaccini migliori per i nostri gatti. È il veterinario che vi aiuterà a lavorare attraverso la vostra decisione su quanto spesso il vostro micio dovrebbe ricevere i colpi. Di solito, dipende dalla loro salute, dall’età e dallo stile di vita, ma se il tuo gatto entra in contatto con qualche malattia, è probabile che abbia bisogno di vaccinazioni extra. Inoltre, è assolutamente necessario tenersi aggiornati con le regole e i regolamenti del vostro governo locale per quanto riguarda alcuni vaccini come la rabbia.

Quindi, senza ulteriori indugi, entriamo nei dettagli della vaccinazione del vostro gatto.

Quali sono alcuni dei vaccini più importanti per i gatti?

Flea Shots

Se pensate che il vostro gatto sia protetto dalle pulci perché sta in casa, ripensateci. Anche se il vostro gatto forse sta in casa la maggior parte del tempo, gli insetti possono capitare a qualsiasi gatto. Le pulci sono contagiose e possono trasferirsi da un animale all’altro. Gli insetti sono noti per la loro notevole capacità di diffondersi e sopravvivere. Si aggirano liberamente e si fanno strada da soli nella nuova casa.

Posta correlata: Il miglior collare antipulci per gatti

Per tutto questo, un gatto non ha davvero bisogno di un’iniezione preventiva contro le pulci. Le punture preventive contro le pulci sono del tutto facoltative, e dipende se vuoi sottoporre la tua piccola creatura al doloroso processo o no solo per stare più al sicuro.

Le pulci sono insidiose e possono infestare il tuo gatto a tua insaputa. Ci sono molti altri modi per evitare che le pulci infestino il vostro gatto, a parte un’iniezione. Quindi, è meglio adottare misure preventive contro le pulci invece.

Related Post: I migliori trattamenti contro le pulci per i gatti

Prevenzione contro la tigna

Le malattie della tigna nei gatti sono molto sottili. Si diffondono principalmente dalle zanzare e possono causare alcuni sintomi drammatici nei gatti. L’American Heartworm Society raccomanda fortemente la prevenzione della sverminazione nei gatti. Soprattutto, i preventivi contro la sverminazione sono un’eccellente protezione contro i vermi intestinali che possono diffondersi dagli animali anche ai loro umani.

Vada per questa misura preventiva poiché è più applicabile per i gatti da interno che hanno una maggiore possibilità di essere infettati dalle zanzare.

Vaccini polivalenti per gatti

In passato, ai gattini veniva dato un vaccino a 3 vie, che conteneva gli agenti contro herpesvirus, calicivirus e panleucopenia felina (FRCP). Tutti questi erano presentati in un’unica iniezione ed era considerato il vaccino definitivo per tutti i gatti.

Tuttavia, le controversie sui vaccini multivalenti erano diventate un’accesa discussione tra gli esperti. Mentre alcuni erano d’accordo sui grandi adiuvanti dei vaccini multivalenti, altri erano fortemente in disaccordo. In ogni caso, le vaccinazioni dovrebbero essere viste come un requisito medico piuttosto che una procedura di routine.

Il richiamo

Mentre altri vaccini possono non avere una risposta chiara se devono essere somministrati o meno, quando si tratta di richiami, non ci sono zone d’ombra. Se ti stai chiedendo se il tuo gatto ha bisogno di un richiamo annuale, la risposta è semplicemente no.

Le vaccinazioni dei gatti sono inversamente proporzionali alla loro età. Quando sono gattini, le vaccinazioni sono essenziali poiché i gattini non vaccinati soccombono alla panleucopenia felina a tassi elevati. Pertanto, ai proprietari di gatti si raccomanda vivamente di far vaccinare i loro gatti a 6 – 8 settimane, 10 – 12 settimane e 14 – 16 settimane di età. Solo un richiamo dovrebbe essere dato all’età di 1. I veterinari non raccomandano ai proprietari di gatti di fare un richiamo più spesso di ogni 3 anni.

Prendete nota che la vaccinazione FVCRP è la parte più cruciale della routine del vostro gatto. Oltre a questo, c’è un altro vaccino che è di uso quotidiano. Protegge contro la leucemia felina o FeLV per i gatti che rimangono per lo più all’aperto.

Vaccini contro la rabbia

Questa è forse la vaccinazione più comune per i gatti: la vaccinazione contro la rabbia. Come già sapete, la rabbia è una malattia infettiva mortale sia nel gatto che nell’uomo. Infatti, nessun’altra condizione potrebbe essere più terribile della rabbia. La rabbia si diffonde attraverso il contatto diretto con mammiferi infetti.

Ora la grande domanda è: dovreste vaccinare il vostro gatto contro la rabbia? Bene, questo dipende da una serie di fattori che includono le leggi locali, la probabilità che il vostro gatto morda altre persone e la tolleranza del rischio. Se pensate che ci sia un rischio certo considerando tutto questo, allora dovreste far vaccinare il vostro gatto contro la rabbia.

Veterinario che fa un'iniezione a un gatto

Quanto spesso i gatti devono essere vaccinati?

Non c’è una risposta giusta o sbagliata a questa domanda. La verità è che dipende da cosa state cercando di proteggere il vostro gatto. Sono le pulci? O siete in attesa di una crescita sana del vostro micio per la quale pensate che le iniezioni siano necessarie? Se non siete sicuri delle risposte alle domande, beh allora, ecco alcune linee guida dei vaccini che vi aiuteranno a dare un senso ai vaccini per gatti e ad altre misure preventive.

Come determinare se il vostro gatto ha bisogno di vaccinazioni?

Siamo sicuri che vi prendete molta cura del vostro gatto e che se notate un piccolo cambiamento singolo nel suo comportamento o negli attributi fisici, la prossima cosa che fareste è correre dal veterinario. Se avete un gatto anziano, è probabile che lo portiate a fare controlli frequenti.

Siccome il vostro gatto non può parlare, i risultati degli esami sanitari sono il loro modo di dirvi della loro salute. Se c’è qualcosa che non va, il veterinario te lo dirà, ed è allora che entrano in gioco le vaccinazioni. Ecco cosa dovresti rivedere con il tuo veterinario sulla salute del tuo gatto durante l’esame fisico annuale:

  • Stato di vaccinazione e la sua esposizione a potenziali malattie
  • Controllo dei parassiti nella pelle come pulci, zecche, vermi cardiaci e acari
  • Salute dentale: dovresti davvero prenderti cura dell’igiene orale del tuo gatto e cercare segni di malattie orali che potrebbero colpirlo
  • Nutrizione: chiedi al tuo veterinario se il tuo gatto è in buona forma e se ha bisogno di qualche cambiamento nei suoi piani alimentari
  • Esercizio: discuti con il tuo veterinario su quanto esercizio il tuo gatto dovrebbe ricevere
  • Orecchie e occhi: qualsiasi scarico di una sostanza sconosciuta dai loro occhi o arrossamento intorno alle orecchie
  • Respirazione: controlla se il tuo gatto affronta qualsiasi difficoltà di respirazione o scarico nasale
  • Piedi e gambe: debolezza, zoppicare, problemi nel saltare e problemi alle unghie dei piedi
  • Manto e pelle: eccessiva mancanza di pelo, troppa pulizia o macchie di prurito possono significare problemi legati alla pelle
  • Urogenitali: cambiamenti nelle loro ghiandole mammarie, qualsiasi scarico sconosciuto, difficoltà di minzione dovrebbero essere discussi con il vostro veterinario
  • Esami del sangue: questo è più applicabile per i gatti geriatrici, quelli che stanno già ricevendo farmaci o che soffrono di problemi medici, gli esami del sangue dovrebbero essere controllati.

Determinare di quali vaccinazioni può aver bisogno il vostro gatto

Se avete letto delle controversie riguardanti le vaccinazioni nei gatti, dovete essere già all’erta. Mentre alcuni esperti dicono che i gatti hanno bisogno di essere vaccinati annualmente, altri credono che la vaccinazione dovrebbe essere data ai gatti solo per una specifica malattia che non è stata ancora determinata, ma che il gatto è incline ad essere diagnosticata.

Non ci sono prove chiare su quanto tempo un vaccino può durare in un gatto. Per alcuni gatti, può durare 5 anni e 3 anni per un altro o anche meno di 2 anni per altri. Molti ricercatori hanno fatto almeno tre combinazioni di vaccini e sono arrivati al risultato che solo la rabbia è il vaccino più importante nei gatti.

Anche se alcuni vaccini “fondamentali” devono essere dati ad ogni gatto, dipende anche dal loro stile di vita, dallo stato di salute, dalla razza e dall’età che determina se è il vaccino giusto per loro.

L’AAFP parla a favore dei vaccini contro la panleucopenia, la rinotracheite virale felina e il calicivirus felino da dare ai gatti ogni tre anni. Tuttavia, raccomandano anche che i gatti che sono a più alto rischio di contrarre tali malattie beneficeranno di vaccinazioni frequenti.

I vaccini proteggono davvero i gatti?

I vaccini non sono miracolosi. Funzionano ingannando il corpo a pensare di essere minacciato. Quindi, stimolando il sistema immunitario del corpo del gatto a produrre potenziali anticorpi che combattono l’invasore. La ceretta uccide i virus o possiamo portare i virus nel corpo del vostro gatto.

Quindi, la prima visita dal veterinario con il vostro micio potrebbe includere un’iniezione di richiamo che viene data per migliorare il loro sistema di difesa. Nei tempi passati, i veterinari suggerivano sempre ai proprietari di portare i loro gatti per un controllo annuale, ma con il cambiare dei tempi, i veterinari hanno cambiato il protocollo in uno triennale, a parte alcune eccezioni.

Alcuni vaccini che non sono normalmente raccomandati

Questi sono alcuni dei vaccini che sono raccomandati solo in casi eccezionali dall’American Academy of Family Physicians (AAFP):

  • Clamidia: Le reazioni avverse ai vaccini sono molto comuni nei gatti. Per quanto riguarda la clamidiosi, è raccomandato solo se la vostra casa ha più gatti con un ambiente che è incline ad avere infezioni da congiuntivite. Consultate il vostro veterinario e se è ritenuto essenziale, allora procedete.
  • Peritonite infettiva felina (FIP): Non tutti i gatti sono infettati da questa terribile malattia, ma un gatto su cento può averla. L’uso di questo vaccino è controverso. Le linee guida dell’AAFP indicano chiaramente che questo vaccino non è raccomandato, ma se necessario, il vostro veterinario vi consiglierà sicuramente a riguardo.
  • Bordetella: Questo si trova più comunemente nei canini, quindi se avete più animali domestici in casa (un gatto e un cane), il vostro gatto potrebbe averne bisogno. Non è raccomandato come uso di routine, ma possono esserci eccezioni se il vostro gatto è esposto in un ambiente con più gatti.
  • Giardiasi: Un altro vaccino recentemente accettato, Giardiasis. Anche questo non è raccomandato di routine dall’AAFP, tranne che per l’importanza clinica come gli ambienti con più gatti.

Alcune altre eccezioni al vaccino nei gatti

  • I gatti che soffrono di asma, ipertiroidismo, insufficienza renale cronica e sistemi immunitari deboli non sono consigliati per essere vaccinati.
  • Consultate il vostro veterinario olistico per quanto riguarda il vostro gatto che riceve una terapia a base di cortisone.
  • I gatti geriatrici, i gatti che hanno 10 anni o più, normalmente non richiedono vaccinazioni di richiamo. Tuttavia, devono essere testati per i titoli durante i loro controlli fisici annuali.
  • I gattini sotto le sei settimane di età non richiedono alcuna vaccinazione, a parte alcuni casi sporadici come gattini orfani o gattini in una situazione ambientale a rischio.
  • Alcuni vaccini possono causare nati morti in gatti gravidi.

Effetti collaterali delle vaccinazioni

In genere, non ci sono effetti collaterali delle vaccinazioni dei gatti, ma tutti i gatti sono unici, e alcuni di loro possono avere una reazione avversa. Se avete recentemente vaccinato il vostro gatto, dovreste stare attenti ad alcuni sintomi. E se questi sintomi vanno fuori controllo, dovreste consultare immediatamente il vostro veterinario:

  • Estrema letargia
  • Febbrezza
  • Vomito
  • Diarrea
  • Mancanza di appetito
  • Orecchiate
  • Comportamento anormale
  • Volori o arrossamenti intorno al sito iniettato

Se sospetti che ci siano effetti collaterali malati del vaccino, chiama il tuo veterinario e determina se il tuo amico peloso ha bisogno di cure speciali.

Veterinario che fa l'iniezione

Bottom Line

Prima di prendere qualsiasi decisione sulla vaccinazione del vostro gatto, vi suggeriamo di fare le vostre ricerche e consultare il vostro veterinario. Questo articolo è una guida per principianti alla vaccinazione. In realtà, il tuo gatto può avere esigenze diverse. Avete molte altre fonti da cui potete imparare di più su queste vaccinazioni.

La linea di fondo è quella di discutere le questioni con il vostro veterinario in modo da poter capire un modo sicuro per proteggere il vostro gatto da qualsiasi malattia. Non deve necessariamente riguardare i vaccini se il tuo gatto ha qualche altro problema di salute. E in ogni caso, se il vostro veterinario è d’accordo a rinunciare al programma di vaccinazione, assicuratevi comunque di portare il vostro gatto a fare un controllo annuale.

Il veterinario è il responsabile del vostro gatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.