Condividi questo

Autore: Amy Rosenman, MD

Un clamoroso SI! Molti ginecologi ritengono che il modo migliore per trattare un utero cadente sia quello di rimuoverlo, con un intervento chiamato isterectomia, e poi attaccare l’apice della vagina a porzioni sane dei legamenti all’interno del corpo. Altri ginecologi, d’altra parte, ritengono che l’isterectomia sia un’operazione importante e dovrebbe essere fatta solo se c’è una condizione dell’utero che la richiede. Su questa linea, c’è stato un certo dibattito tra i ginecologi riguardo alla necessità dell’isterectomia per trattare il prolasso uterino.

Alcuni ginecologi hanno espresso l’opinione che una corretta riparazione dei legamenti è tutto ciò che è necessario per correggere il prolasso uterino, e che l’isterectomia più lunga, più coinvolta e più rischiosa non è medicalmente necessaria. A tal fine, è stata recentemente sviluppata un’operazione che utilizza il laparoscopio per riparare i legamenti di sostegno e preservare l’utero. I legamenti, chiamati legamenti uterosacrali, sono più spesso danneggiati al centro, mentre le porzioni inferiore e superiore sono solitamente intatte. Con questa procedura laparoscopica, il chirurgo attacca la porzione inferiore intatta dei legamenti alla forte porzione superiore dei legamenti con suture forti e permanenti. Questo realizza la riparazione senza rimuovere l’utero. Questa procedura richiede solo una breve degenza in ospedale e un recupero rapido. Uno studio recente dall’Australia ha scoperto che questa operazione, che hanno chiamato isteroplessia laparoscopica con sutura, ha risultati eccellenti. Il nostro studio ha iniziato ad eseguire questa nuova procedura nel 2000 e i nostri risultati sono stati altrettanto buoni. Tuttavia, come nel caso di tutte le procedure riparative, l’obiettivo è il successo della procedura a lungo termine. Poiché le valutazioni a lungo termine sono in corso, chiedete al vostro medico la sua opinione su questa operazione e assicuratevi di capire le ragioni della loro raccomandazione.

Questa stessa procedura di conservazione dell’utero può anche essere realizzata attraverso la vagina facendo una piccola entrata nell’addome dietro la cervice e riattaccando i legamenti dell’utero e della cervice. Questa si chiama isteroplessia vaginale-uterosacrale e non lascia cicatrici addominali. Abbiamo avuto un’esperienza eccellente anche con questo approccio dal 2000, specialmente se altre procedure vaginali sono necessarie allo stesso tempo per cistocele, rettocele, o restringimenti vaginali.

Sessualità?

La nostra vita sessuale è a volte difficile per noi parlarne. Facciamo fatica a raccontare ai nostri figli “i fatti della vita”, e facciamo fatica a dire ai nostri partner cosa ci piace.

Il sesso è personale e, al suo meglio, è un tesoro intimo assaporato in privato. Ognuno di noi vuole piacere ed essere soddisfatto, sentirsi caldo, sicuro e desiderato. Per molte donne, i problemi percepiti con il loro peso, l’aspetto generale e la desiderabilità possono causare un’enorme ansia. Quando una donna sceglie di fare sesso, spesso le sue preoccupazioni e insicurezze vanno a letto con lei. Gli piace il mio corpo? Sono bella? Le mie cosce sono troppo grandi? Con l’avanzare dell’età, questi problemi possono renderti più a disagio. Aggiungi il prolasso o l’incontinenza al mix, e le cose possono diventare piuttosto complicate. L’incontinenza può trasformare quella piccola voce di insicurezza in un ruggito.

L’incontinenza influenza la tua sessualità?

La buona notizia è che un recente studio ci dice che le donne con incontinenza o prolasso riportano la stessa quantità di attività sessuale, comfort e piacere con il sesso delle donne senza incontinenza. C’è di più: L’80% delle donne con prolasso o incontinenza ritiene che anche i loro partner siano soddisfatti della loro relazione sessuale. Naturalmente il sentimento della donna nei confronti del suo partner e della relazione ha molto a che fare con il fatto che lei sia soddisfatta sessualmente o meno. Ma l’incontinenza e il prolasso si sono rivelati meno importanti del previsto. Incontinenti o no, molte donne rimangono sessualmente attive fino ai loro settanta e ottanta anni.

Tuttavia, lo stesso studio ha dichiarato che le donne con il prolasso più grave o l’incontinenza più frequente hanno riferito che la loro condizione fisica ha interferito con la loro vita sessuale. Di conseguenza, queste donne erano più angosciate dalla loro situazione medica ed erano meno soddisfatte. Mentre le donne con incontinenza meno grave non avevano un problema significativo con la soddisfazione sessuale, quelle con problemi gravi hanno trovato che era un danno per la loro vita sessuale.

L’incontinenza può causare un problema con il sesso?

L’incontinenza fa sentire alcune donne sporche e, di conseguenza, indesiderabili. Di conseguenza, possono evitare il sesso o sentire meno piacere e libertà quando lo fanno. Il tipo di incontinenza di una donna può influire notevolmente su quanto la disturbi. Le donne con incontinenza da stress di solito hanno meno problemi con il sesso rispetto alle donne con incontinenza da urgenza. L’incontinenza da sforzo si verifica spesso in momenti prevedibili, più spesso proprio all’inizio del rapporto sessuale quando la penetrazione altera l’angolo della vescica e dell’uretra. Urinare appena prima di fare sesso di solito previene questo problema.

L’incontinenza da sforzo, il risultato di una vescica iperattiva, causa più angoscia perché è imprevedibile e inevitabile. Le donne con incontinenza da urgenza spesso perdono l’urina durante l’orgasmo, il che può essere particolarmente sconvolgente. Inoltre, la quantità di urina persa a causa di una vescica iperattiva è di solito maggiore rispetto all’incontinenza da sforzo. Uno studio ha trovato che quasi il 70% delle donne con incontinenza da urgenza o da urgenza ha avuto rapporti sessuali insoddisfacenti, mentre solo il 20% delle donne con incontinenza da sforzo ha avuto questa lamentela.

Il prolasso può causare problemi con il sesso?

Il prolasso di solito non causa problemi con il sesso. Se il prolasso provoca un rigonfiamento della vescica o del retto nella vagina, il rigonfiamento può essere facilmente rimesso a posto prima del rapporto, e la maggior parte delle donne con prolasso dicono di non notarlo durante il rapporto. Inoltre, se avete un prolasso, dovete sapere che il rapporto sessuale non causerà alcun danno a ciò che è rigonfio: la vescica, la vagina, l’utero o il retto.

L’incontinenza vi rende meno attraenti?

L’incontinenza può innegabilmente complicare la vita in modo sgradevole. Molte donne modificano ciò che indossano e come vivono di conseguenza. Alcune ci dicono di sentirsi meno femminili e meno indipendenti. Tuttavia, come speriamo che i lettori imparino da questo sito, ci sono molti modi per prevenire l’incontinenza. L’isolamento sociale e fisico che l’incontinenza a volte comporta non è necessario.

Come puoi parlare con il tuo partner dell’incontinenza?

Sia le donne che gli uomini con incontinenza possono soffrire di sentimenti di isolamento. L’imbarazzo e la paura dell’umiliazione spesso impediscono loro di parlare dell’argomento con i loro partner. Di solito la paura è peggiore della realtà. La tensione inutile e l’allontanamento emotivo danneggiano entrambe le persone nella relazione. Sappiamo che una buona comunicazione tra amanti aiuta a rendere il sesso più gioioso, in qualsiasi circostanza. Se hai incontinenza, parlarne con il tuo partner può essere la cosa più importante che tu possa fare. Una buona comunicazione porterà ad un maggiore affetto e fiducia. Parlare di qualsiasi tipo di problema è di solito più facile in una relazione intima a lungo termine, ma anche in una nuova relazione, far uscire le cose allo scoperto spesso porta sollievo.

Se hai incontinenza durante il rapporto, parlarne con il tuo partner prima di fare sesso potrebbe aiutare entrambi. Molte donne, anche se imbarazzate all’inizio, sono sorprese di quanto sia facile la conversazione. Spesso è sufficiente dire che potrebbe esserci un po’ di bava. Alcuni uomini si preoccupano di prendere un’infezione della vescica da una partner incontinente. Anche se la perdita di urina può sembrare sporca, l’urina è completamente sterile. La partner può essere rassicurata sul fatto che non esiste alcun rischio di trasmettere un’infezione. Altri si preoccupano inutilmente di far male a una donna con un prolasso quando tutto ciò che serve è spingere il prolasso indietro e usare un lubrificante. La linea di fondo è molto chiara. L’incontinenza non ha bisogno di ostacolare la sessualità.

Dovete discutere dei problemi sessuali con il vostro medico?

Se molte donne hanno problemi a parlare di sesso con i loro partner, non è ancora più difficile per loro affrontare l’argomento con i loro medici? Per complicare ulteriormente le cose, i medici sono spesso a disagio nel parlare di sesso e raramente sono ben addestrati a farlo. Aggiungere l’incontinenza ad una conversazione può rendere sia una donna che il suo medico ancora più riluttanti a proseguire la discussione.

Per illustrare quale problema significativo sia questo, le interviste a 324 donne sessualmente attive hanno scoperto che solo 2 donne hanno fornito volontariamente informazioni sull’avere incontinenza durante il sesso. Tuttavia, quando è stato chiesto specificamente su questo sintomo, altre 77 donne hanno riconosciuto di avere incontinenza durante i rapporti sessuali.

Pazienti e medici devono fare un lavoro migliore nel comunicare sull’incontinenza e la sessualità. Se il vostro medico non fa domande sull’incontinenza, è importante che voi ne parliate se c’è un problema. Se il vostro medico sembra a disagio con l’argomento, chiedete un rinvio a qualcuno che si occupa regolarmente di incontinenza. Se avete un problema con l’incontinenza e la sessualità, molto probabilmente dovrete sollevare anche questo argomento. Se il tuo medico non è in grado di discuterne con te, chiedi il nome di un terapeuta competente che possa aiutarti.

Se il tuo medico non conosce tali specialisti, fai uno sforzo per trovare qualcuno da solo. L’importante è ottenere ciò di cui hai bisogno. Non sei sola con questo problema.

Gli esercizi di Kegel possono prevenire le perdite durante il sesso?

Gli esercizi di Kegel possono certamente aiutare. Le donne che imparano a fare i Kegel correttamente e li fanno regolarmente hanno meno perdite durante il rapporto. Uno studio recente dalla Norvegia ha scoperto che le donne a cui è stato insegnato da un fisioterapista il modo corretto di eseguire i Kegel avevano maggiori probabilità di avere rapporti sessuali più soddisfacenti rispetto ad un gruppo di donne a cui non erano stati insegnati correttamente questi esercizi. Queste donne avevano meno problemi con la loro vita sessuale e meno disagio con il rapporto sessuale. Vi incoraggiamo a fare gli esercizi di Kegel su base regolare.

Che altro può aiutare a prevenire le perdite durante il sesso?

Un altro modo per prevenire le perdite durante il sesso è quello di mantenere la vescica ragionevolmente vuota durante il rapporto. Cercate di evitare di bere liquidi per circa un’ora prima del rapporto. Questo eviterà che la vescica si riempia troppo rapidamente una volta che siete a letto. Se si svuota la vescica appena prima di iniziare a fare l’amore, le perdite sono molto meno probabili.

Quali sono le migliori posizioni per prevenire le perdite?

Alcune posizioni rendono le perdite molto meno probabili. Una donna sopra ha il controllo della penetrazione e un migliore controllo dei suoi muscoli pelvici. Alcune donne trovano più controllo nelle posizioni che trovano meno stancanti. Il rapporto sul fianco è di solito meno faticoso. L’entrata posteriore manterrà la pressione diretta lontano dalla vescica e dall’uretra. Tuttavia, ognuno è diverso, quindi dovreste sperimentare diverse posizioni fino a trovare quelle che funzionano per voi.

Il sesso sarà migliore se vi fate operare?

Per rispondere a questo, un recente studio americano ha interrogato un gruppo di donne prima e dopo un intervento chirurgico per riparare un prolasso o incontinenza. Circa la metà di queste donne erano sessualmente attive. Prima dell’intervento, l’82% delle donne sessualmente attive ha riferito di essere felice della propria vita sessuale, e dopo l’intervento, l’89% delle donne si sentiva felice della propria relazione sessuale.

Tuttavia, uno studio ha fatto emergere una serie di risultati interessanti. Per prima cosa, la frequenza dei rapporti sessuali non è cambiata dopo l’intervento. E due, mentre solo l’8% delle donne aveva dolore con i rapporti prima dell’intervento, il 19% ha notato dolore con i rapporti dopo l’intervento. Circa un quarto delle donne che hanno avuto una riparazione di un rigonfiamento del retto (rettocele) ha sviluppato dolore durante i rapporti. Circa un terzo delle donne che hanno avuto una riparazione di un rettocele e una sospensione della vescica hanno avuto un rapporto sessuale doloroso. Sfortunatamente, i ricercatori non hanno chiesto a queste donne perché erano più soddisfatte della loro vita sessuale anche se più di loro avevano rapporti dolorosi.

Un altro studio eseguito in Svezia può far luce. Questo studio ha trovato che un terzo delle donne ha notato un maggiore interesse per il sesso dopo l’intervento di incontinenza, e la metà dei loro partner maschili erano più interessati al sesso. Potrebbe essere che sapere che la riparazione per il prolasso o l’incontinenza era stata affrontata era sufficiente per far sentire meglio le coppie riguardo al sesso.

Cosa puoi fare se il rapporto è doloroso?

Un modo per ridurre il disagio durante il rapporto è usare un lubrificante. Chiedete al farmacista di consigliarvi un buon lubrificante o provatene alcuni per vedere quale funziona bene per voi. Cercate di evitare di usare vaselina o lozione per le mani, perché tendono a seccarsi rapidamente. Se la secchezza vaginale è un problema di lunga data, considera di chiedere al tuo medico degli estrogeni vaginali. Gli estrogeni rendono la vagina più elastica e aumentano la lubrificazione naturale. Forme locali di estrogeni, disponibili come creme, anelli di silicone contenenti estrogeni o piccole pillole inserite nella vagina possono migliorare la salute vaginale senza alcun assorbimento significativo degli estrogeni nel flusso sanguigno e nel corpo.

Suggerimenti utili per una migliore vita sessuale

Queste sono alcune informazioni che i nostri pazienti con incontinenza ci hanno detto averli aiutati a migliorare la loro vita sessuale:

  1. Questa è la più importante e ovvia – assicurati di avere un partner comprensivo. Parlate al vostro partner della vostra situazione. Sia che siate incontinenti o meno, un amante che vi sostenga e si prenda cura di voi è ciò di cui avete bisogno. Assicurati di avere il partner che meriti o aiuta il tuo partner a diventarlo. Cercate una consulenza professionale se necessario.
  2. Vuota sempre la vescica prima del rapporto. Questo dovrebbe aiutare ad evitare perdite e aiutarvi a massimizzare il vostro godimento.
  3. Cercate di evitare i liquidi appena prima del rapporto. Questo non significa che devi essere disidratato o a bocca asciutta, ma evitare quella tazza di caffè o cola può fare una grande differenza.
  4. Se pensi che potresti averne bisogno, usa asciugamani, assorbenti usa e getta, o lenzuola gommate per mantenere il letto asciutto e fresco. Pianificare in anticipo può ridurre al minimo qualsiasi ansia che hai.
  5. Siiiate calmi se avete delle perdite. L’urina è un fluido sterile, e una piccola perdita non è così importante. Il senso dell’umorismo può aiutare a disinnescare la situazione, mentre la rabbia o la frustrazione possono solo aumentare la vostra ansia o quella del vostro partner. A volte i nostri corpi sembrano essere carichi di trappole per il potenziale imbarazzo. Noi esseri umani siamo fatti così.
  6. Fate regolarmente gli esercizi di Kegel. I muscoli tonici spesso diminuiscono o eliminano le perdite, e possono aumentare il piacere per entrambi i partner.
  7. Sperimenta con il tuo partner per trovare le posizioni più comode per entrambi.
  • Berglund A, Eisemann M, Lalos A, et al. Regolazione sociale e relazioni con i coniugi tra le donne con incontinenza da stress prima e dopo il trattamento chirurgico. 1996 Social Science and Medicine 42:1537.
  • Berglund A, Fugl-Meyer K. Alcune caratteristiche sessuali delle donne incontinenti da stress. 1996 Scandinavian Journal of Urology and Nephrology. 30:207.
  • Gordon D, Groutz A, Sinai T, et al. Funzione sessuale nelle donne che frequentano una clinica uroginecologica. 1999 Giornale Internazionale di Uroginecologia. 10:325.
  • Roe B, May C. Incontinenza e sessualità: risultati di una prospettiva di qualità. 1999 Giornale di infermieristica avanzata. 30:573.
  • Weber A, Walters M, Piedmonte M. Funzione sessuale e anatomia vaginale nelle donne prima e dopo la chirurgia per il prolasso degli organi pelvici e l’incontinenza urinaria. 2000 American Journal of Obstetrics and Gynecology. 182:1610.
  • Weber A, Walters M, Schover L, et al. Funzione sessuale in donne con prolasso utero-vaginale e incontinenza urinaria. 1995 Ostetricia e Ginecologia 85:483.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.